12h TCA; CFP ingegneri: 4 (sess. mattina 23/06) 4 CFP (sess. pomeridiana 23/06)+4 sess. mattutina del 24/06); 9 crediti ECM (giornata 23/06) (tutte le professioni); 4 CFP avvocati

Moderatori S1-ab

Massimo Coppi

Prof. Associato di Fisica Tecnica Università Sapienza di Roma

Antonio Carotenuto

Direttore Vicario, DG per l’Ambiente, Difesa Suolo e Ecosistema Regione Campania

Descrizione

Questa area tematica, tratta tutti gli aspetti connessi alla redazione delle perizie tecniche autorizzative e d’impatto acustico per tutte le differenti sorgenti di rumore, analizzando anche il tema delle consulenze tecniche d’ufficio nell’acustica forense.

Sotto-Sessioni

S1-a)

Relazioni e accertamenti strumentali del rumore per sistemi di trasporto (stradale, ferroviario, portuale ed aeroportuale)

S1-b)

Relazioni e accertamenti strumentali del rumore per specifica sorgente (impianti eolici, attività industriali, cantieri temporanei, impianti in generale, ecc.)

Abstract inviati

1) Aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze, monitoraggio e risanamento acustico –  A. Carmagnini, C. Giangrandi.  ARPAT
2) Le attività dell’Ente Autonomo Volturno S.r.l. per la tutela dall’impatto acustico ferroviario – C. Maisto , V. Ziviello, P, Villano. EAV Srl
3) Misura del rumore eolico- Applicazione della procedura ISPRA-ARPAT a due siti ad orografia semplice – P.Gallo, B. Bracci, M. Cerchiai, M. Di Lillo. ARPAT Area vasta costa Livorno
4) Una modalità di valutazione dell’impatto acustico del rumore ferroviario nei casi di previsioni di aumento dei transiti – F. Barbato.  Libero prof.
5) L’applicazione del criterio della «normale tollerabilità» per il rumore stradale: il caso della Tangenziale di Napoli- F. Barbato.  Libero prof.
6) Misure di impatto acustico durante lo svolgimento di gare motoristiche: casi studio nelle Province di Arezzo e Grosseto – L. Bartoletti, P. Fabbroni, R. Lietti, L. Padovani, M. Pancini, N. Pernici. ARPAT
7) Il sistema di monitoraggio del rumore aeroportuale: analisi dell’intorno e del territorio circostante, posizionamento delle centraline, metodologia di acquisizione dei dati ed elaborazione fino al calcolo degli indici tramite software dedicato. Gli esempi degli aeroporti di Pisa, Firenze e Napoli. –T. Agostini. Studio Tecnico Agostini
8) Problematiche tecniche e normative nella valutazione del rumore delle infrastrutture portuali: casi studio nei porti siciliani – A. Sansone Santamaria, V. Librici . ARPA Sicilia.
9) Deroghe al rumore: usi ed abusi – R. Bianucci, G. Majandi, studio tecnico Bielettro.
10) Caso studio: monitoraggio acustico ambientale stazione Poggioreale metropolitana di Napoli, M. Faiella (INAIL), S. Aiello (ASPP SudMetro Napoli), G. Botte (RSPP SudMetro Napoli), V. Vosa (INAIL).
11) Le politiche europee per la riduzione del rumore delle infrastrutture di trasporto – G. Brero,  UNICMI – ENBF

Presidente/Rappresentante consiglio Nazionale Forense o altro esperto

Sergio Luzzi

Prof. a contratto di Acustica Forense Università di Firenze

S1-c)

Acustica Forense – Controversie giudiziarie, CTU, e normale tollerabilità del rumore (Art. 844 c.c.). Questa sessione tematica vuole contribuire all’aggiornamento professionale al fine di assicurare la qualità delle prestazioni professionali e di contribuire al migliore esercizio della professione nell’interesse dei clienti e dell’amministrazione della giustizia

Abstract inviati

1) Come valutare correttamente la normale tollerabilità? – C. G. Gianni. Libero Prof.
2) Emissione acustica delle campane: suono o rumore? Criterio di accettabilità e tollerabilità –  A. Romolini. ARPAT

12h TCA; CFP ingegneri: 4 (sess. mattina 23/06) 4 CFP (sess. pomeridiana 23/06)+4 sess. mattutina del 24/06); 9 crediti ECM (giornata 23/06) (tutte le professioni); agg. D.Lgs. 81/08 (tutti i settori)

Armando Zambrano

Presidente Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Pasquale Addonizio

Direttore INAIL UOT CVR Napoli

Descrizione

Questa area tematica, tratta tutti gli aspetti connessi alla redazione delle perizie tecniche acustiche e di vibrazione negli ambienti di lavoro, trattando anche il tema dei piani di bonifica (PARE), obbligatori per le imprese con esposizione al rumore > 85 dBA.

Sotto-Sessioni

S2-a)

Valutazione del rischio rumore e vibrazioni negli ambienti di lavoro – Norme tecniche, buone prassi e programmi aziendali di riduzione dell’esposizione a rumore.

S2-b)

Bonifiche acustiche e interventi di riduzione delle vibrazioni negli impianti industriali

Abstract inviati

1) Vibrazioni trasmesse all’operatore dalle macchine movimento terra: proposta di norma tecnica per standardizzare le dichiarazioni dei costruttori – S.Casini¹ , P. Lenzuni¹ , C. Preti² , F. Pedrielli²¹INAIL; ²CNR.
2) Valutazione del rischio rumore e vibrazioni negli ambienti di lavoro- Norme tecniche, buone prassi e programmi aziendali di riduzione dell’esposizione al rumore – S. Carpinello, P. Vigone, F.Casassa . Laboratorio di taratura I.E.C. Srl.
3) Ipoacusia da rumore aspetti medico – Assicurativi e preventivi – P. Iacoviello, A. Lauro. INAIL D.R. Campania.
4) Piani Aziendali di riduzione dell’esposizione al rumore (PARE), A. Papa, P. Addonizio. INAIL D.R. Campania.
5) Il rischio di esposizione al rumore degli operatori di call center: una indagine conoscitiva per inquadrare il problema – M. Diano. INAIL D.R. Calabria.
6) Comfort acustico in terapia intensiva neonatale – M. Del Gaudio, C. Vedetta. INAIL D.R. Campania.
7) Gli effetti psicosociali del rumore negli ambienti di lavoro – I. Ferrara, L. Bianchi. INAIL D.R. Campania.
8)La valutazione del rischio da rumore – Strumenti previsionali ai fini della prevenzione – R. Piccioni, G. Rosci. INAIL Contarp Roma.
9) L’impatto lavorativo delle vibrazioni meccaniche sulle navi, durante la navigazione – B. Cammarota. Già EP Ateneo “L.Vanvitelli” Dip. Sanità Pubblica.
10) La gestione del rumore in Ospedale, aspetti di comfort, di legislazione e di tecnica – B. Cammarota. Già EP Ateneo “L.Vanvitelli” Dip. Sanità Pubblica.
11) La valutazione degli infrasuoni ed  ultrasuoni negli ambienti di lavoro – F. Lo Castro¹, S. Iarossi¹, M. De Luca¹.   ¹CNR-INM sez. di Acustica e Sensoristica O.M.;
12) caso studio: La valutazione dell’esposizione agli ultrasuoni emessi da vasche di lavaggio ultrasoniche  – F. Lo Castro¹, S. Iarossi¹, M. De Luca¹.   ¹CNR-INM sez. di Acustica e Sensoristica O.M.
13) Gli effetti dell’esposizione al rumore nelle strutture sanitarie – R. Mariconte¹ ,C. Giliberti¹, F. Lo Castro². ¹DIT INAIL;  ²CNR-INM sez. di Acustica e Sensoristica O.M.

12h TCA; CFP ingegneri: 4 (sess. mattina 23/06) +4 CFP (sess. pomeridiana 23/06)+4 sess. mattutina del 24/06); 9 crediti ECM (giornata 23/06) (tutte le professioni)

Moderatori

Japoco Fogola

Resp. Coordinamento Rumore e vibrazioni ARPA Piemonte

Giovanni Improta

Sub Commissario e Dirigente U.O. Agenti Fisici ARPA Campania

Descrizione

Questa area tematica copre tutti gli aspetti della gestione ambientale del rumore della comunità. Questi argomenti includono le attività di accertamento e le procedure in merito alla valutazione del rumore ambientale da parte degli enti pubblici competenti. Si vogliono affrontare argomenti quali: valutazioni di clima acustico, mappature e piani di classificazione acustica, piani di azione/risanamento, mappature strategiche e relativi modelli di calcolo, il coinvolgimento della comunità. Contributi teorici, metodologici ed empirici sono i benvenuti.

Sotto-Sessioni

S3-a)

Enti pubblici: Attività di accertamento. procedure, elaborati tecnici e giudizi di merito

S3-b)

Piani di classificazione acustica, programmi di intervento, piani di azione/risanamento, mappature strategiche – modelli di calcolo per l’elaborazione di impatto acustico previsionale e valutazioni di clima acustico)

Abstract inviati

1) il monitoraggio acustico post operam di una infrastruttura di trasporto – terza corsia Firenze sud Firenze nord – D. Casini, C. Giannardi. ARPAT
2)Risultati Dell’indagine sulle esigenze di formazione e aggiornamento professionale dei tecnici competenti in acustica in ambito del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente- G.Cicciotti. ARPA Puglia
3)Linea guida ARPA Lombardia in materia di modalità di esecuzione delle misurazioni fonometriche per la determinazione del livello di immissione differenziale – S. Ferrari. ARPA Lombardia.
4) Quadro normativo e criticità connesse alla gestione e controllo del rumore della movida: il caso della Regione Toscana – R. Lietti , L. Padovani. ARPA Toscana
5) Implementazione di un foglio di calcolo per l’elaborazione automatica dei risultati di misure di rumore stradale ai sensi della normativa italiana – P. Gallo, B. Bracci, M. Cerchiai, C. Chiari, D. Simonetti, S. Giannecchini. ARPAT – Settore agenti fisici Vasta Costa, Livorno.
6) ll rumore generato dal sorvolo degli aerei: dalla misura in campo libero alla stima in facciata e valutazione all’interno degli edifici –   M. Cerchiai¹, D. Simonetti¹ , F. Rampino², D. Palazzuoli¹ , G. Licitra¹ . ¹ARPAT; ²Univ. Pisa Dip. Ing. Civ. Ind.
7)Confronto tra i metodi CNOSSOS-EU e NMPB-Routes-96 per le simulazioni del rumore stradale in diversi scenari – S. Angius, E. Galbusera, P. Maggi, R. Pollini. ARPA Lompardia.
8) Il passaggio dal modello INM ad AEDT per la simulazione del rumore aeroportuale: confronto e valutazioni- C. Della Ducata¹,  S. Angius², E. Galbusera², R. Pollini².  ¹ Polit. Milano Dip. Ing. Civ. Amb; ²ARPA Lombardia.
9) Indicatori di stato, pressione e risposta dell’inquinamento acustico nelle realtà urbane – V. Greco. ISTAT Istituto Nazionale di Statistica.
10) La valutazione previsionale del rumore alle basse frequenze generato dalle turbine eoliche: stato dell’arte e considerazioni. C. C. Mastino¹, R. Baccoli¹, A. Frattolillo¹, M. Canargiu² . ¹DICAAR Università degli studi di Cagliari;  ²Serv. autorizz. int. ambientali, energia e inquinamento acustico – Città metropolitana di Cagliari.
11) L’esperienza di ARPA Campania nel controllo del rumore prodotto da aviosuperfici dedicate ad attività di volo di elicotteri per il trasporto turistico di persone- A. Migliaccio, G. Improta, ARPA Campania.
12)

12h TCA; CFP ingegneri: 4 (sess. mattina 23/06) 4 CFP (sess. pomeridiana 23/06)+4 sess. mattutina del 24/06); 9 crediti ECM (giornata 23/06) (tutte le professioni); 6 CFP APPC (autocert.)

Moderatori

Presidente/Rappresentante Consiglio Nazionale Architetti,
pianificatori, paesaggisti e conservatori o altro esperto

Gianni Cesini

Prof. Fisica tecnica industriale Università Politecnica delle Marche

Descrizione

Questa area tematica copre tutti gli aspetti dell’acustica degli edifici e delle sale in relazione alla trasmissione del suono e della vibrazione attraverso elementi costruttivi, le qualità ed il comfort acustico degli spazi e la progettazione acustica architettonica

Sotto-Sessioni

S4-a)

Verifica dei requisiti acustici passivi degli edifici, Interventi di correzione e di bonifica

S4-b)

Acustica architettonica per il comfort di uffici e locali pubblici nuovi prodotti e soluzioni. Global comfort

Abstract inviati

1) Disconfort indotto da rumore e vibrazioni – Quanto siamo lontani da una descrizione integrata? – P. Lenzuni (INAIL D.R. Toscana) , P. Tura (ARPA Piemonte),  A. Tirabasso (INAIL DIMEILA).
2) La progettazione del comfort acustico negli ambienti ad uso ricreativo – L. Busa, S. Luzzi, Vie en.ro.se. Ingegneria.
3) Efficienza e affidabilità dei modelli previsionali per l’acustica degli interni – P. Cambiaggio, C. Notini,  Aesse Ambiente.
4) L’impatto della prestazione acustica nella certificazione di un edificio secondo il protocollo ITACA – F. Serpilli, C. di Perna, V. lori, S. di Loreto. Università politecnica delle Marche.

12h TCA; CFP ingegneri: 4 (sess. mattina 23/06) 4 CFP (sess. pomeridiana 23/06)+4 sess. mattutina del 24/06); 9 crediti ECM (giornata 23/06) (tutte le professioni)

Moderatori

Claudio Guarnaccia

Prof. associato di Fisica Applicata Dipartimento Ingegneria Civile
Università degli Studi di Salerno

Rosario Romano

Prof. associato di Fisica tecnica e di acustica architettonica ed Edilizia
Dipartimento ingegneria Industriale Università degli Studi di Napoli Federico II

Descrizione

In questa area tematica si vogliono trattare tutti gli aspetti relativi alla misurazione del suono. Presentare gli strumenti di misura, sia tradizionali, che innovativi con nuovi concetti di misurazione: nuovi trasduttori, nuovi algoritmi matematici, nuovi parametri acustici o nuove applicazioni delle tecnologie ad esempio per realtà virtuale e aumentata.

Abstract inviati

1) La taratura nelle misure acustiche ed il ruolo dei laboratori accreditati – F. Marengo. Accredia Dipartimento Laboratori di Taratura;
2) Come elaborare enormi quantità di dati nei Software previsionali – Michel Karroum , Svantek.
3) Costruire una rete di monitoraggio acustico con comunicazione remota “low cost”- Michel Karroum , Svantek.
4) Elaborazione e previsione di livelli acustici in ambito cittadino mediante modelli di analisi delle serie storiche, Simona Mancini. Dip. Ing. Infor. ed Eletr. e Mat. Applicata, Università degli Studi di Salerno.
5) Riduzione degli infrasuoni nell’interferometro virgo per la rivelazione delle onde gravitazionali – F. Fidecaro, F. Sorrentino, G. Licitra, Università di Pisa e INFN -Pisa.
6) Efficienza e affidabilità dei modelli previsionali per l’acustica degli interni – P. Cambiaggio, C. Notini,  Aesse Ambiente.
7) Localizzazione delle sorgenti acustiche con la nuova generazione di acoustic camera – C. Notini, P. Cambiaggio, Aesse Ambiente.
8) Validazione di un sistema per la determinazione del coefficiente di assorbimento dei materiali, basato su una sonda a otto microfoni, G. F. Di Feo, A. Cerniglia, C. Scrosati, Accon Italia .
9) Limiti operativi della tecnica beamforming – A. Cerniglia, G. Di Feo , A. Cerniglia.  Spectra.